Confesercenti Firenze. La circolare interpretativa del Ministero dell’Interno sull’applicazione del DL “Super green pass”

Tutte le nuove regole

Con circolare n. 15350/117/2/1 (0082362 prot. Gab Ministro), del 2 dicembre, il Ministero dell’Interno ha fornito chiarimenti circa l’applicazione del DL n. 172.

Estensione dell’impiego del “green pass base”

La nota ministeriale evidenzia che agli ambiti già elencati negli articoli 9-bis e 9-quater del DL n. 52/2021 si aggiungono, per effetto delle modifiche, le seguenti tipologie di attività:

– Alberghi ed altre strutture ricettive, compresi i servizi di ristorazione riservati ai clienti ivi alloggiati (che in precedenza erano esclusi);

– Spazi adibiti a spogliatoi e docce per lo svolgimento anche di attività sportive all’aperto, con esclusione degli accompagnatori delle persone non autosufficienti;

– Trasporto locale, regionale, interregionale, compreso quello effettuato dalle navi e dai traghetti impiegati per i collegamenti marittimi nello stretto di Messina e da e per l’arcipelago delle Isole Tremiti;

– Servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale effettuati mediante autobus adibiti a servizio di noleggio con conducente.

Secondo quanto interpretato dal Ministero, fra i mezzi di trasporto pubblico locale e regionale soggetti a green pass base rientrerebbero anche navi e traghetti, per quanto la norma tratti separatamente rispetto al trasporto pubblico locale le navi e i traghetti, che almeno formalmente vengono considerati, ai fini del green pass base, solo se impiegati nel trasporto interregionale: dunque, secondo il Ministero dell’Interno, sarebbe soggetto a green pass base anche l’impiego di navi e traghetti per i collegamenti all’interno della stessa Regione.

Clicca qui per la tabelladelle attività consentite senza green pass, con green pass “base” e  con green pass “rafforzato” per il periodo dal 6/12/2021 al 15/1/2022.

Istituzione della certificazione verde rafforzata (“super green pass”)

La nota spiega che, ai sensi dell’art. 5 del DL n. 172, nelle zone gialle e arancione, dal 29 novembre, solo i soggetti in possesso di una certificazione verde di avvenuta vaccinazione o avvenuta guarigione dal Covid-19 (c.d. “super green pass”) possono fruire dei servizi, svolgere le attività ed effettuare gli spostamenti per i quali, nelle medesime zone, siano previste limitazioni o sospensioni ulteriori rispetto a quelle della zona bianca, rispettando la disciplina di minor rigore prevista appunto per questa zona.

A tal proposito, la circolare esemplifica richiamando il caso della ristorazione: la consumazione al tavolo nei ristoranti e nei pubblici esercizi in genere potrà sempre avvenire, anche in zona gialla e arancione, sulla base del possesso del “super green pass”, senza dover rispettare le limitazioni afferenti al numero dei commensali.

La nota evidenzia altresì che dal prossimo 6 dicembre l’accesso ai servizi di ristorazione svolti all’interno di alberghi o altre strutture ricettive, e riservati esclusivamente ai clienti ivi alloggiati, sarà consentito ai possessori del green pass base e non del green pass “rafforzato” (se ne desume che in caso di accesso ai ristoranti annessi alle strutture turistiche di clienti esterni, non alloggiati, sia necessario per questi il “super green pass”).

Sono esclusi dall’obbligo di possesso del “super green pass” anche le mense e i servizi di catering continuativo su base contrattuale.

A causa delle finalità di prevenzione del rialzo della curva epidemiologica, ai sensi del successivo art. 6, nei territori in zona bianca, dal 6 dicembre p.v. al 15 gennaio 2022, solo i possessori del “super green pass” potranno fruire dei servizi e svolgere le attività per i quali la normativa vigente prevede, in zona gialla, limitazioni o sospensioni.

Per effetto di tale disposizione, solo ai soggetti muniti del “super green pass” sarà consentito l’accesso a:

– Spettacoli;

– Eventi sportivi in qualità di spettatori;

– Ristoranti al chiuso;

– Sale da ballo, discoteche e locali assimilati;

– Cerimonie pubbliche;

– Feste (tranne quelle conseguenti a cerimonie civili e religiose).

In riferimento all’interpretazione ministeriale che esclude le feste conseguenti a cerimonie civili e religiose dall’obbligo del “super green pass”), Confesercenti Nazionale in un chiarimento esplicativo desume che:

– le feste conseguenti a cerimonie civili e religiose che corrispondano a banchetti all’interno di esercizi della ristorazione saranno soggette a “super green pass”, non potendosi andare in deroga all’obbligo previsto per la ristorazione in generale;

– feste private o pubbliche conseguenti a cerimonie civili e religiose che non prevedano banchetti all’interno di esercizi della ristorazione (ma magari li prevedano in ambito privato) saranno soggette a “green pass base”, come da art. 9-bis, comma 1, lett. g-bis), del DL n. 52;

– altri tipi di festeggiamenti (non ben individuati, ma diversi da quelli sopra descritti) per i quali siano previste limitazioni in zona gialla sono soggetti a “super green pass”.

La circolare precisa che, analogamente a quanto previsto dall’art. 5 per le zone gialle e arancioni, la fruizione dei servizi di ristorazione svolti all’interno di alberghi o altre strutture ricettive e riservati esclusivamente ai clienti ivi alloggiati, come anche l’accesso alle mense e ai servizi di catering continuativo, sarà possibile anche ai possessori di “green pass base” (ma evidenziamo che, come sopra precisato, in caso di accesso ai ristoranti annessi alle strutture turistiche di clienti esterni, non alloggiati, sarà necessario per tutti, alloggiati e non, essere muniti di “super green pass”; salvo se la struttura dispone di locali separati per le due tipologie di clienti, alloggiati e non).

La nota precisa, infine, che la disciplina in materia di green pass (compreso quello “rafforzato”) non si applica ai minori di dodici anni e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica.

Potenziamento dei controlli

Nella circolare si segnala l’opportunità per le Autorità locali di assumere immediatamente le interlocuzioni necessarie con le Associazioni rappresentative dei soggetti delle categorie interessate, richiamando l’attenzione sul puntuale adempimento degli obblighi di verifica e sulle connesse responsabilità.

Nel settore degli esercizi pubblici e della ristorazione, è richiamata la funzione di rilievo che dovrà svolgere la Polizia municipale, sottolineando che, per evitare sovrapposizioni con i controlli svolti da altri Corpi, occorrerà predisporre all’uopo un’attenta pianificazione.

Infine, la nota raccomanda l’intensificazione dei servizi di controllo nelle aree urbane con maggiore concentrazione di esercizi commerciali e in quelle caratterizzate dalla “movida”, così come occorrerà organizzare maggiori controlli programmati nelle festività natalizie e di fine anno.

In caso di incrementi di presenze che dovessero interessare particolari spazi urbani, il Ministero raccomanda di valutare, in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, l’opportunità che venga regolamentata, sulla base di eventuali ordinanze sindacali, la fruizione di tali spazi in modo da evitare assembramenti e agevolare i controlli.

Controlli Super Green pass: aggiornata la App Verifica C19

La nuova versione dell’App Verifica19 presenta un’unica modifica: la possibilità di selezionare il tipo di verifica che si vuole effettuare. Se si indica la ‘verifica base’, la app riconoscerà tutti i green pass, quelli ottenuti con il vaccino, la guarigione o con l’esito negativo di un tampone.

Se invece si seleziona la ‘verifica rafforzata‘ il sistema leggerà solo i Qr Code di vaccinati e guariti.

Di seguito un riepilogo sintetico delle regole.

GREEN PASS BASE

Si ottiene per:

a) avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo;

b) avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;

c) effettuazione di test antigenico rapido o molecolare, quest’ultimo anche su campione salivare;

c-bis) avvenuta guarigione da COVID-19 dopo la somministrazione della prima dose di vaccino o al termine del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo).

Clicca qui per visualizzare le FAQ del Governo sulla Certificazione Verde Covid 19.

È OBBLIGATORIO PER ACCEDERE AI SEGUENTI SERVIZI E ATTIVITÀ:

a) servizi di ristorazione, per il consumo al tavolo, al chiuso, compresi i servizi di ristorazione all’interno di alberghi e di altre strutture ricettive riservati esclusivamente ai clienti ivi alloggiati;

a-bis) alberghi e altre strutture ricettive;

b) spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi, nonché attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati;

c) musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;

d) piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, di cui all’articolo 6, limitatamente alle attività al chiuso, nonché spazi adibiti a spogliatoi e docce, con esclusione dell’obbligo di certificazione per gli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell’età o di disabilità;

e) sagre e fiere, convegni e congressi;

f) centri termali, salvo che per gli accessi necessari all’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e allo svolgimento di attività riabilitative o terapeutiche, parchi tematici e di divertimento;

g) centri culturali, centri sociali e ricreativi, di cui all’articolo 8-bis, comma 1, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione;

g-bis) feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose;

h) attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;

i) concorsi pubblici;

nonché

per chiunque svolge una attività lavorativa nel settore privato, ai fini dell’accesso ai luoghi in cui la predetta attività è svolta (sono compresi tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione, anche in qualità di discenti, o di volontariato nei luoghi di cui sopra, anche sulla base di contratti esterni).

Le disposizioni di cui sopra si applicano anche nelle zone gialla, arancione e rossa, laddove i servizi e le attività siano consentiti e alle condizioni previste per le singole zone.

SUPER GREEN PASS

Si ottiene per:

a) avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo;

b) avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;

c-bis) avvenuta guarigione da COVID-19 dopo la somministrazione della prima dose di vaccino o al termine del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo.

È esclusa l’utilizzabilità del test antigenico rapido o molecolare.

Clicca qui per visualizzare le FAQ del Governo sulla Certificazione Verde Covid 19.

È OBBLIGATORIO

– DAL 29 NOVEMBRE IN ZONA GIALLA E ARANCIONE

– DAL 6 DICEMBRE 2021 AL 15 GENNAIO 2022 ANCHE IN ZONA BIANCA

PER:

– LA FRUIZIONE DEI SERVIZI

– LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA’

– GLI SPOSTAMENTI

CHE SIANO LIMITATI O SOSPESI IN ZONA GIALLA AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE

Tali servizi, attività, spostamenti, sono ammessi per chi è munito di SUPER GREEN PASS nel rispetto della disciplina della zona bianca.

Vi rientrano certamente:

– spettacoli,

– eventi sportivi,

– feste,

– cerimonie pubbliche,

– discoteche e sale da ballo,

– ristorazione (ad eccezione dei servizi di ristorazione all’interno di alberghi e di altre strutture ricettive riservati esclusivamente ai clienti ivi alloggiati e delle mense e catering continuativo su base contrattuale, ai quali si accede con il green pass base).

TRASPORTI

E’ consentito esclusivamente ai soggetti muniti di GREEN PASS BASE l’accesso ai seguenti mezzi di trasporto e il loro utilizzo:

a) aeromobili adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone;

b) navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale, compresi quelli impiegati per i collegamenti marittimi nello Stretto di Messina e quelli impiegati nei collegamenti marittimi da e per l’arcipelago delle Isole Tremiti;

c) treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo interregionale, Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità;

d) autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti;

e) autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, compresi quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale;

e-bis) funivie, cabinovie e seggiovie, qualora utilizzate con la chiusura delle cupole paravento, con finalità turistico-commerciale e anche ove ubicate in comprensori sciistici, senza limitazioni alla vendita dei titoli di viaggio;

e-ter) mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale.

Le disposizioni di cui sopra non si applicano ai soggetti di età inferiore ai dodici anni e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica.

Comments are closed.