Confesercenti Grosseto. Assegno temporaneo per figli minori: ecco come richiederlo

GROSSETO – Con il Decreto-Legge 8 giugno 2021, n. 79, è stato introdotto nell’ordinamento l’Assegno temporaneo per figli minori, quale misura transitoria in attesa degli interventi strutturali previsti dalla Legge n. 46/2021, recante “Delega al Governo per riordinare, semplificare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico attraverso l’assegno unico e universalee quindi a decorrere dal 1° luglio 2021 e fino al 31 dicembre 2021, la misura si affianca, e non sostituisce, l’assegno per il nucleo familiare (ANF) di cui all’art. 2 del Decreto-Legge n. 69/1988, il quale continuerà a trovare normale applicazione fino a quando non sarà anch’esso sostituito e fatto confluire nella futura misura universale dell’Assegno unico, che dovrebbe entrare in vigore dal 1° gennaio 2022.

Pertanto dal 1° luglio 2021 per i nuclei familiari che non abbiano diritto all’ANF trova applicazione la nuova tutela dell’assegno temporaneo con applicazione nei confronti anche nei nuclei familiari il cui reddito viene prodotto, anche in via esclusiva, da attività lavorativa autonoma (artigiani, commercianti, CD/CM), da attività svolta con partita IVA, ecc.

L’assegno temporaneo, riconosciuto a domanda e su base mensile, viene erogato sulla base del possesso di un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) in corso di validità non superiore a 50.000 euro a coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti congiuntamente:

1) essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale;

2) essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;

3) essere domiciliato e residente in Italia e avere i figli a carico sino al compimento del diciottesimo anno d’età;

4) essere residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi, ovvero essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale.

La domanda per l’assegno temporaneo deve essere presentata in modalità telematica all’INPS entro il 30 settembre 2021 per vedersi riconoscere e corrispondere le mensilità arretrate a partire dal mese di luglio 2021 con accredito sull’IBAN del richiedente.

Il patronato Epasa – Itaco Cittadini e Imprese della Confesercenti è a disposizione per l’invio delle domande e per ogni ed ulteriore informazione.

Tel. 0564 438824 centralino 0564 438811

Comments are closed.