Migranti parcheggiati nella rada di Siracusa sbarcheranno solo se smistati subito in Europa

Dopo la missione di Conte a Nicosia, dove cinque paesi europei hanno dichiarato la loro disponibilità ad accogliere i migranti della Sea Watc, i ministri competenti aprono allo sbarco a condizione che i 47 migranti siano smistati subito in Olanda e Germania. «Sbarco degli immigrati? Solo se prenderanno la via dell’Olanda, che ha assegnato la bandiera alla Sea Watch, o della Germania, paese della Ong. In Italia abbiamo già accolto, e speso, anche troppo». Il ministro dell’Interno Matteo Salvini apre alla possibilità di far sbarcare i 47 migranti che da giorni sono bloccati a bordo della nave della Ong tedesca ma detta una condizione: non potranno restare in Italia. Dello stesso avviso il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli. Sulla nave Sea Watch, «non c’è una bandiera italiana, ma olandese. L’Italia è il Paese che ha salvato il maggior numero di vite umane in questi anni, ma è finita l’epoca dei Renzi e dei Gentiloni. È ovvio che noi apriremmo un nostro porto come fosse un corridoio umanitario per farli sbarcare, ma immediatamente dopo mandarli in Olanda» ha spiegato a Mattino cinque, richiamando a «una Europa solidale che si assume le proprie responsabilità».

L’Italia è quindi pronta ad offrire un corridoio umanitario per trasferire i 47 migranti in Olanda. «Siamo in contatto in queste ore con il commissario Ue all’immigrazione: li abbiamo svegliati perché hanno fatto finta di non vederla», dice della Sea Watch il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, secondo cui la nave «ha deciso di venire in Italia perché l’Italia è il palcoscenico dell’immigrazione, il loro sito internet raccoglie le donazioni…».

Comments are closed.