Giornata della memoria, cerimonia a Firenze al binario 16 della stazione di SMN

Alla cerimonia organizzata dal Comune di Firenze, ieri 27 gennaio, giorno della memoria, per le ore 11.00 al binario 16 della stazione di Santa Maria Novella erano presenti in molti, nonostante la temperatura fosse particolarmente rigida. A fianco della presidente della Comunità ebraica fiorentina Daniela Misul c’erano il sindaco Dario Nardella, il presidente del Consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani e poi tanti altri volti: Rosa Maria Di Giorgi, Caterina Biti, Simona Bonafè, Valdo Spini, Andrea Ceccarelli, Sara Funaro,il rettore Luigi Dei. I vari interventi si sono incentrati sulla Shoah, le leggi razziali, la prigionia, le sofferenze disumane e i lutti; una tragedia da non dimenticare e su cui riflettere.

Accanto al gonfalone della città metropolitana di Firenze, quelli della Regione Toscana e dell’Associazione nazionale dei deportati politici nei campi nazisti , dell’Associazione vittime civili di guerra, assieme a quello dell’Anpi e di alcune associazioni d’arma. Tra di esse l’ANPS di Firenze che tra i suoi caduti annovera il funzionario di Polizia Giovanni Palatucci, MOMC, Giusto tra le Nazioni, deceduto a Dachau nel febbraio del 1945.

In testa al binario 16 una corona d’alloro deposta per onorare i 300 fiorentini di ogni età, di religione ebraica, che ammassati sui vagoni piombati lasciarono nel novembre ’43 e nel giugno ’44 la città per il campo di sterminio di Auschwitz, dal quale solamente in 15( 8 uomini e 7 donne) avrebbero fatto ritorno.

Comments are closed.