Livorno: l’alluvione un anno dopo. Il messaggio di Mattarella

«Il modo più rispettoso e coerente per onorare le vittime innocenti è operare per il ripristino di equilibri ambientali sostenibili, riducendo il rischio idrogeologico ed elevando gli standard di sicurezza, nella consapevolezza che la gestione del territorio costituisce un unico ambito nell’equilibrio tra aree urbane e rurali», afferma il presidente della Repubblica nel suo messaggio. «Questo giorno di memoria solleciti riflessione e impegno comune, per operare con rigore, in piena collaborazione tra gli organismi interessati – aggiunge il capo dello Stato – mantenendo come unico punto di riferimento gli interessi e i diritti delle comunità».

Un’improvvisa ondata di maltempo scaricò una quantità d’acqua incredibile su Livorno nella notte tra il 9 e il 10 settembre. La terrificante bomba d’acqua. Morte e devastazione arrivarono da tre torrenti tombati: acqua, fango e detriti invasero le case che si trovavano lungo i loro corsi e portarono via 8 persone tra le quali Filippo, un bimbo di 4 anni, i suoi genitori e il nonno.

 

Comments are closed.