Firenze, Piazzale Michelangelo: «No Woman, No Die», contro la violenza sulle donne

«No Woman, No Die», la rete delle musiciste toscane riunite contro la violenza di genere, arriva giovedì 24 agosto sul palco del Flower, spazio estivo del Piazzale Michelangelo, per lo spettacolo «Come se non ci fosse un domani», in programma alle ore 21.30 (ingresso libero).

Dopo il fortunato concerto di esordio del 23 novembre scorso in occasione della Giornata Contro la Violenza sulle Donne a Firenze e varie fortunate esibizioni in regione, le donne della musica toscana tornano ad esibirsi in versione semiacustica. Si alterneranno sul palco la raffinata voce di Verdiana Raw, l’ironia visionaria di Mago Santo di Alice Chiari & Ivo Minuti, l’impertinenza degli ScandaloSoBrio (la cui leader, la giornalista-soubrette Maria Paternostro, è anche l’ideatrice e coordinatrice del progetto musicale anti-violenza), la critica sociale di Giorgia Del Mese.

Cantautrice e performer, Verdiana Raw fonde passione e tecnica in una continua ricerca e crescita attraverso il lavoro artistico, lo studio e le collaborazioni in svariate discipline: musica, teatro, danza, pittura, poesia. Nel 2012 esce il primo album ‘Metaxy’, uscito per Ark Records, tra atmosfere rarefatte ma profondamente intimiste in cui spicca la ricerca vocale. Nel 2015 sforna il suo secondo disco, ‘Whales know the route’ (PippolaMusic) con la produzione artistica di Paolo Favati (Pankow) distributo in Italia da Audioglobe, e nel resto d’Europa da Rough Trade. Con “Whales know the route, Verdiana Raw ha ricevuto la nomination al Premio Tenco 2016 nella sezione “Album in assoluto dell’anno”.

Originaria di Salerno, Giorgia Del Mese vive a Firenze ed è laureata in psicologia. Le sue canzoni sono una sintesi dell’espressione artistica personale e della critica sociale e politica e si è aggioudicata numerosi premi. Nel 2015 apre i concerti di Niccolò Fabi e Teresa De Sio. Nel 2016 esce il suo terzo disco “Nuove emozioni post-ideologiche”.

ScandaloSoBrio è un gruppo popdance il cui nome gioca sull’ambiguità tra lo Scandalo Sobrio e lo Scandaloso Brio. La band, i cui testi riprendono gli slogan scritti sui muri della nostra e di altre città, è capitanata dall’istrionica Maria Paternostro, che sul palco ha carisma da vendere tra l’ironia, l’eros e i cliché del pop. Gli ScandaloSoBrio sono usciti con “Come se non ci fosse un domani”, il loro album di debutto distribuito dall’Audioglobe, cui hanno collaborato Alessandro Nutini della Bandabardò, Lisa Kant, Rufus dei Rio Mezzanino, il giornalista Fulvio Paloscia, lo scrittore Bruno Casini e l’attore Ciro Masella.

Alice Chiari è diplomata in violoncello presso il Conservatorio di Musica “L. Cherubini” di Firenze e ha esperienza pluriennale nell’insegnamento. Da anni collabora con formazioni che vanno dalla classica al jazz, dal rock alla world music. Nel 2015 con Ivo Minuti ha pubblicato “Todo Modo”, uno dei progetti più acclamati del 2015 a cui è seguito il recentissimo “Mago Santo”.

Roberta Manetti

 

Comments are closed.