Caldo: code in farmacia. Per integratori e controllo pressione

Contro il caldo, gli italiani fanno anche la coda in farmacia. Magari anche perché c’è l’aria condizionata. Sono notevolmente aumentate le vendite di integratori di sali minerali, di medicinali per disturbi gastroenterici e cresciute, almeno del 10%, le richieste di misurazione della pressione. Ma è anche più frequente il bisogno di informazioni, soprattutto indicazioni pratiche per sopportare meglio le temperature elevate. A fare il quadro è Vittorio Contarina,
presidente di Federfarma Roma.

«Una delle domande che mi sento fare più frequentemente nelle ultime
settimane – spiega Contarina – è come faccio a conservare i farmaci con questo caldo?. E’ una curiosità giusta,
perché i medicinali vanno conservati lontano da fonti di calore e al di sotto dei 25 gradi. Capita che in molte case si raggiungano temperature più alte, quindi l’ideale sarebbe mettere i prodotti in frigo. Le persone che si trovano in maggior difficoltà a causa dell’afa – continua Contarina – sanno che possono rivolgersi a noi non solo per
quel che vendiamo, ma anche per ricevere consigli su cosa fare nella quotidianità per vivere meglio e in salute. Rispetto ai mesi più freddi, posso dire di aver notato un grande incremento di persone che acquistano integratori a base di sali minerali, potassio e magnesio e complessi multivitaminici nel caso degli anziani».

Gilda Giusti

 

Comments are closed.