Papa Francesco compie 80 anni. Auguri. Ma per lui è un giorno normale

Oggi, 17 dicembre, Papa Francesco compie 80 anni. E’ il Papa che ha accelerato i tempi della Chiesa. Un compleanno in Vaticano, giornata normale ma ricca di impegni. E lui, Bergoglio, che cosa dice? Santità, tra poco compirà 80 anni… “Chi? Io?”. Reagiva così, con una risata, Papa Francesco quando, intervistato poco tempo fa da Tv2000, gli veniva ricordato il compleanno che cade oggi. Jorge Mario Bergoglio non ama essere festeggiato, non sembra soffrire granché il peso dell’età e, soprattutto, ha molte altri crucci a cui pensare.Anche il giorno stesso del compleanno, è segnato dall’understatement. Il Papa sta, infatti, presiedendo una concelebrazione eucaristica con i Cardinali residenti a Roma dalle otto di mattina, e poi la sua giornata procederà normalmente: riceverà il Presidente della Repubblica di Malta, Marie Louise Coleiro Preca, il Prefetto della Congregazione per i Vescovi, Marc Ouellet, il Vescovo di Coira (Svizzera), Vitus Huonder, noto alle cronache per alcune sue prese di posizione polemiche sui gay, e, da ultimo, la Comunità di Nomadelfia, in provincia di Grosseto, fondata da Don Zeno Saltini.

«Non amava molto festeggiare il compleanno», ha spiegato il sacerdote delle Pepe Di Paola che lavora nelle villas miseras di Buenos Aires. «E’ vero, la gente lo ama molto – ha detto alla Radio vaticana – ma anche per loro il giorno del suo compleanno non è mai stato un giorno particolarmente importante…». Lo si è visto quando all’udienza generale uno speaker di lingua spagnola gli ha fatto gli auguri, innescando applausi e cori dei fedeli. «Grazie tanto, ma vi dirò una cosa che vi farà ridere», li ha gelati il Pontefice. Aggiungendo: «Nella mia terra fare gli auguri in anticipo porta jella e chi fa gli auguri in anticipo è uno iettatore!».

Concetti che riecheggiano quelli espressi nella stessa intervista a Tv2000 in merito alla finta ammirazione dei suoi adulatori «io ho allergia degli adulatori. Ho allergia. Mi viene naturale, eh?, non è virtù. Perché adulare un altro è usare una persona per uno scopo, nascosto o che si veda, ma per ottenere qualcosa per se stesso. Anche, è indegno. Noi, a Buenos Aires, nell’argot porteño nostro, gli adulatori li chiamiamo lecca calze, e la figura è proprio di quello che lecca le calze dell’altro. E’ brutto masticare le calze dell’altro». Quanto ai detrattori, invece, «parlano male di me, e io me lo merito, perché sono un peccatore». Detrattori che, in effetti, non mancano.

Nato a Buenos Aires il 17 dicembre del 1936, battezzato (data per lui molto più significativa) il giorno di Natale, Jorge Mario Bergoglio è stato eletto Papa tre anni e mezzo fa, il 13 marzo 2013. Sembra passato molto più tempo. Solo quest’anno, il Papa ha presieduto un giubileo straordinario (iniziato, in realtà, a dicembre 2015. Ha portato avanti la riforma della Curia romana: mass media, nascita di due dicasteri che sciolgono e accorpano quasi tutti i pontifici consigli, normalizzazione dello Ior, proprio oggi le ultime nomine, e dell’ospedale Bambino Gesù, ricevuto proprio oggi, dopo gli scandali degli anni passati. Ha fatto chiudere dal tribunale vaticano la vicenda Vatilekas. Ha nominato nuovi cardinali da tutto il mondo (servono ancora due-tre anni perché il collegio cardinalizio abbia l’impronta bergogliana per oltre la metà).

Il Papa ha visitato il Messico (polemizzando con Donald Trump) e l’isola greca di Lesbos (portandosi dietro un gruppo di rifugiati musulmani), il Caucaso (Armenia a giugno, Georgia e Azerbaijan a cavallo tra settembre e ottobre), e la Polonia della Gmg in estate, ha incontrato, per la prima volta nella storia, il patriarca russo Kirill, a Cuba, ed ha preso parte, per la prima volta nella storia, alla commemorazione dei 500 anni della riforma protestante di Martin Lutero in Svezia. E’ intervenuto nella crisi venezuelana, ha benedetto l’accordo di pace in Colombia, ha continuato ad inviare segnali di fumo alla Cina, da ultimo ha chiesto al presidente siriano Bashar al-Assad di porre fine alla strage di Aleppo.

 

Comments are closed.