La sfida di Mps per l’aumento di capitale

Arrivato nella notte il via libera dalla Consob per la conversione dei bond retail, Mps si gioca ora la carta dell’aumento di mercato, da chiudere entro il 31 dicembre. Da oggi l’istituto senese potrà dunque riavviare la conversione dei bond subordinati, aprendola anche ai 40mila risparmiatori che detengono oltre due miliardi di obbligazioni dell’istituto e che fino ad ora non hanno potuto aderire alla conversione per via dei paletti posti dalla Stessa Consob.
Mps parte dagli 1,03 miliardi di euro raccolti dalla conversione dei bond chiusa lo scorso 2 dicembre, a cui si aggiungono altri 220 milioni dalla conversione del titolo Fresh da un miliardo di euro, che il consiglio di amministrazione ha deciso di includere nell’operazione. L’obiettivo è coinvolgere i piccoli risparmiatori sottoscrittori dell’obbligazione da 2,16 miliardi, per portare le conversione a circa tre miliardi e puntare poi sull’adesione del Qatar (un miliardo) e sul collocamento agli istituzionali e al retail.

Comments are closed.