«Vertenza Pucci, no ai trasferimenti a Milano»

logot24Incontro tra Regione e sindacati sulla vertenza Emilio Pucci: la maison di moda fiorentina ha deciso di lasciare la sede di Firenze (fino ad oggi centro direzionale, stilistico e di merchandising) per riunire le funzioni nei poli di Bologna (per la parte produttiva) e Milano (area creativa e commerciale): ai 46 dipendenti della sede fiorentina è stato proposto il trasferimento in Lombardia tra gennaio e marzo 2017.

La Regione convocherà l’azienda (che ha offerto ai lavoratori dei benefit, come mezza mensilità in più, per chi accetta il trasferimento entro il 30 novembre) all’inizio della prossima settimana.

Emilio Pucci«Chiediamo alla proprietà – dicono Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil di Firenze – il Piano industriale ma soprattutto che Emilio Pucci resti a Firenze: il marchio rappresenta la fiorentinità. Siamo contrari ai trasferimenti dei lavoratori ma, in assenza di alternative, chiediamo condizioni di trasferimento migliori, salvaguardia per chi non vuole trasferirsi e per chi vuole magari affrontare un periodo di prova».

© RIPRODUZIONE RISERVATA – Toscana24

 

 

Comments are closed.