Direttiva Bolkestein. Aggiornamenti dopo la riunione al Ministero dello Sviluppo Economico

MercatiNota del Presidente Anva Confesercenti Maurizio Innocenti

Si riporta il comunicato stampa diffuso dal Ministero dello Sviluppo Economico: “Si è tenuta giovedì 3 novembre presso il Ministero dello sviluppo economico, d’intesa con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, una riunione per esaminare le criticità attuative dell’intesa Stato-Regioni-Enti Locali, siglata il 5 luglio 2012, recante i criteri per il rilascio e il rinnovo delle concessioni dei posteggi per il commercio sulle aree pubbliche.

Alla riunione, presieduta dal Sottosegretario Antonio Gentile, hanno partecipato i rappresentanti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Dipartimento delle Politiche Europee, delle Regioni, il Presidente dell’Anci Antonio Decaro, dell’ANVA Confesercenti e di alcune associazioni imprenditoriali locali.

Sulla base del confronto e della conseguente esigenza emersa di verificare la fattibilità di una proroga tecnica delle concessioni delle aree per consentire l’ordinato e utile espletamento dei bandi pubblici per il rilascio e il rinnovo delle concessioni stesse, il Ministero si è impegnato ad approfondire, in tempi rapidi, con le amministrazioni pubbliche coinvolte e con regioni e comuni, le problematiche emerse e le soluzioni praticabili.”

Come è evidente dal comunicato, anche il Ministero dello Sviluppo Economico ribadisce alcuni punti fondamentali della nostra azione sindacale degli ultimi anni:

  1. Valenza dell’Intesa del luglio 2012, a fronte della certa applicazione della Direttiva Bolkestein.
  2. Verifica della fattibilità di una proroga tecnica allo scopo di consentire l’ordinato, utile e uniforme espletamento dei bandi in tutto il paese.
  3. La proroga stessa potrà essere concessa soltanto in virtù del lavoro fatto che ha portato all’ Intesa, e se quest’ultima rimarrà in piedi.

E’ stato riconosciuto, dal Governo, il ruolo primario e fondamentale di Anva Confesercenti, a tutela della categoria e delle centinaia di migliaia di posti di lavoro dei nostri colleghi.

Chi, in questi anni, ha cercato di denigrare il nostro lavoro in modo strumentale, e con attacchi anche personali, viene smentito in modo chiaro ed indiscutibile dalla posizione espressa dal Ministero.

Il riconoscimento del Ministero sarà il supporto necessario e fondamentale per il lavoro di tutti i nostri dirigenti a livello territoriale, a fronte di tutte le speculazioni che sicuramente non mancheranno.

Comments are closed.