No alla tassa di soggiorno in montagna

paesi di montagnaNO ALLA TASSA DI SOGGIORNO IN MONTAGNA, SCORAGGEREBBE ANCORA DI PIU’ L’ARRIVO DI TURISTI

Sbagliata, secondo Confesercenti, l’idea emersa in questi giorni sulla possibilità di istituire la tassa di soggiorno in Montagna. Una contrarietà che l’associazione condivide con le molte aziende associate del territorio. Si ritiene infatti che non sia certo questo il momento per prendere una simile decisione, visto che il turismo in Montagna conosce un periodo di profonda crisi e che, con la tassa di soggiorno, non si farebbe altro che scoraggiare ulteriormente l’arrivo della potenziale clientela.

Dovrebbero invece essere create le condizioni per migliorare le opportunità di lavoro delle strutture e aumentare i flussi di turisti, realizzando linee di credito agevolate per gli operatori e predisponendo azioni di promozione mirata.

Confesercenti Pistoia

 

Comments are closed.