Firmato in Regione un accordo sulla crisi del credito

Clipboard-0009E’ stato firmato oggi il protocollo sul sistema bancario tra Regione Toscana e organizzazioni sindacali. L’accordo prevede l’istituzionalizzazione di un confronto tra Regione, sindacato, rappresentanze istituzionali del sistema bancario, e una possibilità di approfondimento con le associazioni dei consumatori e con gli organi preposti al controllo della legalità.

Viene inoltre istituito un tavolo di crisi sulle singole realtà in ristrutturazione. I sindacati chiedono al Governo di istituire una cabina di regia nazionale con tutti gli attori del sistema, a partire dalle Regioni e dalle rappresentanze dei lavoratori.

In Toscana, ricorda la Cgil, «si sono persi oltre il 22% degli addetti dal 2008, è uno degli epicentri della crisi».

«Il tavolo istituito oggi – commenta il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi – è il primo del genere in Italia e può diventare un esempio e uno stimolo per creare una cabina di regia nazionale su un settore così delicato».

Dalida Angelini, segretaria generale della Cgil Toscana, evidenzia come «da anni la Cgil Toscana con il suo Focus economia racconta di raccolte e di impieghi in calo e di sofferenze in aumento, siamo sempre lì con l’aggravante del tempo. La crisi di imprese e famiglie e, in alcuni casi, una mala gestio che ci ha consegnato le pesanti difficoltà di oggi. Salutiamo con favore questo accordo che ci aiuterà a governare al meglio le difficoltà».

Secondo il segretario generale della Fisac Cgil Toscana, Daniele Quiriconi «si tratta di un accordo molto importante in una fase di straordinaria difficoltà del sistema bancario e di pesanti incertezze sul futuro dei lavoratori: nei limiti delle proprie competenze, infatti, si riafferma con forza, la volontà di un modello di relazioni e di governo dei processi che in Toscana vuole continuare ad essere condiviso. Ci auguriamo sia di esempio anche per altri livelli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA – Toscana24

 

Comments are closed.