Finanze: approvata dalla Camera la legge di riforma dei Confidi

banconote-EuroL’aula della camera ha approvato definitivamente la proposta di legge di riforma dei confidi. Il provvedimento ha ricevuto 278 voti favorevoli e 90 contrari, 60 gli astenuti. La legge prevede che il governo, su proposta del ministro dell’economia, entro sei mesi adotti uno o più decreti legislativi. I criteri della riforma prevedono che nell’attuazione della delega si debba puntare a rafforzare la patrimonializzazione dei confidi e favorire la raccolta di risorse pubbliche, private e del terzo settore.

Si dovranno inoltre disciplinare le modalità di contribuzione degli enti pubblici finalizzate alla patrimonializzazione dei confidi e razionalizzare e valorizzare le attività svolte dai soggetti operanti nella filiera della garanzia e della controgaranzia, al fine di rendere più efficiente l’utilizzo delle risorse pubbliche e favorire la sinergia tra il Fondo centrale di garanzia e i confidi. Dovranno inoltre essere sviluppati strumenti innovativi, con tassativa esclusione di derivati e di strumenti finanziari complessi, forme di garanzia e servizi, finanziari e non finanziari, che rispondano alle nuove esigenze delle Pmi e dei liberi professionisti.

Altri crediti di delega puntano a favorire un migliore accesso al credito per le Pmi e i liberi professionisti, rafforzare i criteri di proporzionalità e specificità previsti dal testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, assicurare una maggiore tutela del carattere accessorio della garanzia rilasciata dai confidi rispetto all’operazione di finanziamento principale e razionalizzare gli adempimenti a carico dei confidi, eliminando le duplicazioni di attività già svolte da banche o da altri intermediari finanziari. La legge prevede infine che siano individuate metodologie di valutazione degli impatti della garanzia sui sistemi economici locali anche attraverso la rete delle camere di commercio.

 

Comments are closed.