Cresce, ancora, la raccolta differenziata

tweetCresce ancora, nel 2015, la raccolta differenziata di rifiuti elettrici ed elettronici, con una media procapite pari a 5,67 kg per abitante, e un incremento complessivo del 4,87% rispetto al 2014 . E’ questo il dato principale che emerge dal Dossier realizzato dal Centro di Coordinamento Raee, e presentato oggi a Firenze.

Ma l’avvio del nuovo anno, secondo il direttore generale del Centro, Fabrizio Longoni, si sta mostrando ancor più promettente: «A maggio 2016 la crescita è del 18%, superiore all’incremento medio italiano», ha detto, segnalando che l’entrata in vigore del decreto attuativo della normativa che consente il cosiddetto “uno contro zero”, ovvero il ritiro gratuito dei Raee da parte dei grandi distributori, con tutta probabilità «vedrà la Toscana nuovamente trainante, considerato che i negozianti toscani sono già stati fra i più virtuosi nell’applicare l’uno contro uno».

In regione la presenza di strutture di raccolta ha registrato un incremento di circa il 3%. Firenze è la provincia coi maggiori quantitativi raccolti, pari a (6.394 tonnellate), seguita da Pisa (2.646) e Lucca (2.504), che registra anche la migliore raccolta procapite a livello regionale. Più attardate Massa Carrara e Prato. I grandi elettrodomestici sono i più raccolti (35% del totale), seguiti dal gruppo Freddo e Clima (27%), e da Tv e Monitor (24%).

«Questi risultati – sostiene l’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni – ci consentono di valutare positivamente la scelta di sostenere e finanziare in accordo con le Autorità d’Ambito la diffusione dei centri di raccolta che nel 2015 sono 198, 6 in più rispetto all’anno precedente, ma ben 80 in più rispetto al 2009».

© RIPRODUZIONE RISERVATA – Toscana24

 

Comments are closed.