Cynny Space lancia la piattaforma di storage

Clipboard-013Cynny space, il provider di servizi di cloud object storage, annuncia il lancio ufficiale della propria piattaforma di storage (dispositivi che permettono di memorizzare una grande quantità di informazioni in poco tempo) tecnologicamente evoluta ed ecosostenibile. La struttura di Cynny Space, startup della galassia dell’azienda fiorentina Cynny, è innovativa dal punto di vista hardware e software e punta a insidiare i concorrenti Amazon e Google cloud: riguardo all’hardware, l’infrastruttura Cynny Space nasce dall’idea di utilizzare una tecnologia di mass market (quella usata dagli smartphone), per gestire un modo efficiente i dati in Cloud. L’azienda ha inoltre disegnato il micro-server più piccolo al mondo, con processori Arm ed ha attivato l’opzione di crittografia end-to-end: i dati partono dal pc già criptati, le chiavi di cifratura non vengono archiviate insieme ai dati, questo permette una maggior sicurezza per gli utenti.

La piattaforma offre una tariffazione Pay-as-you-go, senza soglie (prezzo a consumo in base allo spazio occupato, 0,01 euro per Gb al mese): «Senza costi nascosti – precisa l’amministratore delegato di Cynny Space, Andrea Marchi –. Rispetto ai concorrenti, non ci sono costi ulteriori per il trasferimento di dati.

La nostra infrastruttura permette un consumo ridotto, 1,7 watt contro i 100 watt dei server concorrenti: questo è possibile perché il micro-server è dato dall’esperienza fatta con la tecnologia usata per tablet e device mobili». Un consumo, dunque, ridotto che porta un’infrastruttura ecologica: «Il risparmio ecologico – continua Marchi – è di oltre tre volte superiore rispetto a quello di un’infrastruttura classica».

Infine, un’altra caratteristica di Cynny Space è l’alta velocità di upload e download, grazie all’utilizzo di numerosi Cpu che lavorano in parallelo: «Tanti micro-server – conclude Marchi – che permettono di erogare il servizio, garantendo al cliente una velocità di lettura e scrittura superiore rispetto alle tecnologie tradizionali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA – Toscana24

 

Comments are closed.