Incentivi per le imprese che investono per migliorare i livelli di salute e sicurezza dei lavoratori

settori industrialiForma di contributo:

Contributo a fondo perduto.

Beneficiari:

Micro, PMI, imprese individuali, grandi imprese, con sede legale o unità produttiva per la quale si intende realizzare il progetto, nel territorio della regione Toscana al momento della presentazione della domanda.

Finalità:

Incentivare le imprese a realizzare interventi che migliorino i livelli di salute e sicurezza dei lavoratori.

Scadenza e procedura:

Dal 1 marzo 2016, fino alle ore 18,00 del 5 maggio 2016 l’impresa, registrata, può inserire online il proprio progetto, salvarlo e registrare la propria domanda. Dal 12 maggio 2016 le imprese che hanno almeno raggiunto la soglia minima di ammissibilità prevista possono effettuare il download del proprio codice identificativo.

Dal 19 maggio 2016 sul sito Inail saranno indicate la data e gli orari di apertura/chiusura dello sportello informatico attraverso cui le imprese, utilizzando il codice identificativo, possono inviare la domanda di ammissione al contributo.

Interventi ammissibili:

Ammissibili tre tipologie di progetti: di investimento, di adozione di modelli organizzativi e gestionali, bonifica da materiali contenenti amianto.

1) PROGETTI DI INVESTIMENTO:

Interventi:

1. Ristrutturazione o modifica degli ambienti di lavoro, compresi gli eventuali interventi impiantistici ad essa collegati;

2. Acquisto di macchine;

3. Acquisto di dispositivi per lo svolgimento di attività in ambienti confinati;

4. Acquisto e installazione permanente di ancoraggi per uno o più lavoratori e componenti anti caduta;

5. Installazione, modifica o adeguamento di impianti elettrici

Fattori di rischio da eliminare/ridurre:

– Eliminazione di tutti gli agenti chimici cancerogeni o mutageni o adozione di un sistema chiuso nella loro produzione o utilizzazione;

– Acquisto di dispositivi di rilevazione di agenti chimici, di dispositivi di protezione individuale;

– Riduzione del rischio legato ad agenti chimici pericolosi e/o agenti chimici cancerogeni o mutageni;

– Riduzione del rischio rumore, legato alla caduta dall’alto, vibrazioni meccaniche, infortunio da ferita o taglio, elettrocuzione; eliminazione e/o riduzione del rischio legato alla movimentazione manuale di carichi;

– Altro.

Esempi di spese ammissibili:

  • Spese di progettazione ed elaborati a firma di tecnico abilitato e coordinatore della sicurezza; spese per direzione lavori;
  • certificazioni di regolare esecuzione o collaudo redatte da tecnico abilitato; certificazioni, relazioni tecniche; documentazione o certificazione prevista richiesta dalla specifica normativa.

2) PROGETTI DI ADOZIONE MODELLI ORGANIZZATIVI E RESPONSABILITÀ SOCIALE:

Interventi:

– Adozione di un SGSL certificato BS OHSAS 18001:07 da enti di certificazione accreditati;

– Adozione di un SGSL certificato BS OHSAS 18001:07 da enti di certificazione accreditati;

– Adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) di settore previsti da accordi INAIL-Parti Sociali

– Adozione di un SGSL non rientrante nei casi precedenti

– Adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all’art 30 del D.Lgs. 81/08 asseverato in conformità alla prassi di riferimento UNI/PdR 2:2013 per il settore delle costruzioni edili e di ingegneria civile

– Adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all’art.30 del D.Lgs. 81/08 anche secondo le procedure semplificate

– Adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000

– Modalità di rendicontazione sociale asseverata da parte terza indipendente

Spese ammissibili:

Spese di consulenza, di certificazione, asseverazione

3)PROGETTI DI BONIFICA DA MATERIALI CONTENENTI AMIANTO:

Interventi:

– Rimozione di intonaci in amianto applicati a cazzuola o coibentazioni contenenti amianto applicate a spruzzo da componenti edilizie

– Rimozione di materiali contenenti amianto da mezzi di trasporto, impianti e attrezzature, coperture

– Rimozione di piastrelle e pavimentazioni in vinile amianto, stucchi, mastici, contenenti amianto

Spese ammissibili:

– Perizia giurata

– Progetti ed elaborati a firma di tecnici abilitati

– Direzione lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione

– Certificazioni di verifica, di regolare esecuzione o collaudo

– Rimozione di cassoni, canne fumarie, comignoli, pareti, condutture o manufatti in genere costituiti da cemento amianto.

– Ogni altra documentazione o certificazione riguardante l’intervento richiesta dalla normativa

– Oneri previsti per il rilascio di autorizzazioni o nulla osta da parte di enti e amministrazioni preposte

Le imprese possono presentare un solo progetto riguardante una sola unità produttiva e una sola tipologia tra quelle sopra indicate.

Entità agevolazione:

Il contributo ammonta al 65% dell’investimento e varia da un minimo di €5.000,0079 ad un massimo di €130.000,00.

Spese ammissibili:

Sono ammesse a contributo tutte le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto e le eventuali spese accessorie o strumentali, funzionali ed indispensabili per la sua completezza.

Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data del 5 maggio 2016.

Non sono ammesse le spese relative all’acquisto od alla sostituzione di ad esempio di dispositivi di protezione individuale nonché ogni altro relativo complemento o accessorio; automezzi e mezzi di trasporto; impianti per l’abbattimento di emissioni o rilasci nocivi all’esterno degli ambienti di lavoro; mobili e arredi.

Comments are closed.