Nuove imprese a tasso zero per giovani e donne

imprese giovani donneFinalità:

Sostenere le imprese composte in prevalenza da giovani (18-35 anni non compiuti) e donne e le persone fisiche che hanno intenzione di costituire una nuova impresa.

Forma di agevolazione:

Finanziamento a tasso zero.

Scadenza e domanda:

Fino ad esaurimento risorse. Domanda presentabile tramite la piattaforma informatica del soggetto gestore http://www.invitalia.it.

Beneficiari:

  • Imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne. Le imprese devono essere costituite in forma di società da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda.
  • persone fisiche, a condizione che costituiscano la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.

Attività finanziabili:

Sono finanziabili le iniziative per:

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone
  • commercio di beni e servizi
  • turismo

Possono essere ammessi anche i progetti in settori considerati di particolare rilevanza strategica:

  • filiera turistico-culturale, intesa come attività per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché per il miglioramento dei servizi di ricettività e accoglienza
  • innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali o soddisfano nuovi bisogni sociali.

Spese ammissibili:

Programmi di investimento non superiori ad € 1.500.000,00.

Caratteristiche finanziamento a tasso zero:

L’agevolazione è concessa nei limiti del regolamento de minimis.

Il finanziamento concesso è senza interessi (tasso zero), ha durata massima di 8 anni e può coprire fino al 75% delle spese totali. Le imprese devono garantire la restante copertura finanziaria e realizzare gli investimenti entro 24 mesi dalla firma del contratto di finanziamento.

Per ulteriori informazioni email: carlo.sappino@mise.gov.it

 

Comments are closed.